*

Centro Direzionale La Forgiatura, Milano

Stampa pagina Spedisci ad un amico
*
Tutti i progetti "GRANDI OPERE"
  • Vai al progetto precedente
  • *
  • Vai al progetto successivo
Centro Direzionale La Forgiatura, Milano
Fotogallery
Richiedi informazioni

Descrizione del progetto

La Forgiatura è un progetto di riqualificazione di un’area industriale dismessa in via Varesina 158, nella zona nord-ovest di Milano.
Il progetto, dell’arch. Giuseppe Tortato, ha trasformato il sito in un polo multifunzionale per brand di eccellenza con una forte vocazione internazionale, volto ad ospitare le realtà più creative dell’industria dei servizi e della comunicazione oltre a marchi globali della moda, del design e del mondo consumer.
Si tratta della riconversione di una storica fabbrica milanese, la Forgiatura, dalla quale prende il nome il progetto, la più grande fucina della città che dalla fine dell’Ottocento e per quasi un secolo ha forgiato componenti in acciaio speciale esportati in tutto il mondo ottenendo anche la qualifica per fornire le centrali nucleari.
 
Lo sviluppo dell’area industriale ha consentito di riqualificare oltre 14 mila mq di edifici preesistenti a cui si sono aggiunti oltre 10 mila mq di nuova edificazione -complessivamente si tratta di 7 edifici a destinazione d’uso direzionale e showroom, di cui solo uno di nuova costruzione - recuperando l’archeologia industriale e affiancandola a strutture contemporanee, che rendono i diversi spazi altamente flessibili e facilmente adattabili alle richieste dell’utente finale. 
 
Il progetto, di circa 25.000 mq si estende su una superficie fondiaria di circa 16.500 mq di cui 8 mila mq di spazi verdi e percorsi comuni e 2 parcheggi interrati con oltre 250 posti auto, una vera e propria oasi urbana intervallata da colline artificiali alte da 1 a 8 metri che danno un particolare movimento alla superficie e, allo stesso tempo, permettono di sfruttare i metri quadrati sottostanti.
 
Oltre ad una grande quantità di piante a protezione degli edifici dal rumore cittadino, tutti gli ambienti hanno giardini interni e terrazzi pensili. 
Le colline artificiali hanno l’obiettivo di ‘muovere’ la superficie per consentire un rapporto dinamico ed originale con gli spazi costruiti. Grazie ad esse è possibile entrare negli edifici da vari livelli, anche dai tetti: il risultato è un’architettura che suscita emozioni diverse grazie ad un gioco di spazi verdi, grandi altezze, luce, strutture antiche e nuove. Il verde accompagna tutta l’architettura in modo armonico offrendo alla vista una vera e propria ‘oasi urbana’, oltre ad un maggior comfort.